Il gioco d’azzardo e la moneta virtuale bitcoin

Trenton Shavers starà “tremando”: il giudice Amos Mazzant ha riconosciuto la moneta virtuale Bitcoin come “forma di danaro valida per gli acquisti e spese di tutti i giorni”. Shavers, quindi, che aveva truffato complessivamente clienti per 700mila Bitcoins promettendo guadagni-utili settimanali pari al 7% e poi era sparito dalla circolazione ed aveva chiuso il suo sito che aveva “abusato” per la sua truffa ora sarà costretto a risarcire tutto il “maltolto”. Il Giudice Mazzant dell’Ester District del Texas con la sua pronuncia favorevole al Bitcoin riconoscendola quindi “moneta corrente” ha messo Trenton Shavers alle “corde” autorizzando di fatto la Securities and Exchange Commission a perseguire questo disonesto operatore e rendendo indubbiamente felici i suoi “creditori” che ormai pensavano di aver “perduto per sempre” i propri quattrini affidati un poco inconsciamente a Trenton facendosi allettare dal “lauto guadagno” promesso da quest’ultimo.
Quindi, la moneta virtuale BitCoin – completamente staccata dal sistema monetario consueto- è stata riconosciuta come forma di danaro “per le spese di tutti i giorni” con l’unica limitazione, se così possiamo dire, di poter circolare in quei posti in cui viene accettata, ma già BitCoin può essere scambiata con dollari Usa, Euro, Yen e Yuan e sicuramente questo riconoscimento “allerterà” tanti operatori finanziari e starà al “cittadino” controllare che tali operatori siano onesti e non scaltri come Trenton Shavers: occhi aperti quindi!

This entry was posted in casino news. Bookmark the permalink.

Comments are closed.